mercoledì 18 aprile 2018

Insigne, Crocco, il Mohicano e la Juve

Eh si, questa va detta: La juve non dà biglietti per i napoletani residenti in Piemonte. Per il settore ospiti, i tifosi devono arrivare da Napoli. Beh...questo la dice lunga sul fatto che la dirigenza juventina sa benissimo che oggi, i cittadini piemontesi sono in grande maggioranza meridionali e figli di meridionali e, che con l'arrivo di Insigne e compagni in città, il sangue richiama i "napuli" agli odori e ai sapori delle radici. Vendesse i biglietti a chi li compra, si ritroverebbe facilmente un 13° giocatore in campo per la squadra di Sarri. Quindi...si ricorda che in questo momento gli servono i "piemontesi doc" e chiude ogni possibilità di invasione meridionale allo stadium. Ma la juve( che è la Fiat o Fica che si vuole) sa anche un'altra cosa: ai meridionali emigrati a Torino, non ha mai dato grandi possibilità di uscire del tutto dalla situazione economica mediocre ed instabile in cui gli immigrati debbono rimanere per essere ricattabili per sempre, almeno ai grandi numeri e così, completa l'operazione con un altro ingegno: aumento del costo dei biglietti alle stelle; quanti straccioni si potranno permettere di spendere tanto per andare allo stadio a sostenere la propria squadra? e, comunque, chi vorrà farlo a tutti i costi, dovrà svenarsi per sostenere i propri beniamini. Se Proprio il Napoli vuole venire a vincere a Torino il suo scudetto, se proprio nella capitale Sabauda, Insigne/Crocco e il suo sciammannato esercito capitanati da quella specie di Mohicano debbono venire a prendere lo scalpo alle ordinate truppe piemontesi, che almeno gli costi tanto quando uno svenamento. Debbono dare il sangue. In tutto questo minare il territorio intorno a Torino, la Juve non ha calcolato un pò di cose che dovrà comunque aspettarsi: Napoli è la Capitale di quel sud tanto sfruttato, derubato e deprecato, ed è dal 1860 che i meridione aspetta di fare lo sberleffo in faccia ai savoiardi, farglielo proprio qui, in casa sua, sarà per le truppe azzurre del Napoli, una goduria infinita che drogherà la situazione. I napoletan sono gente pieni di risorse e di gioia di vivere, cogliere l'occasione di venirla a fare proprio davanti alla porta del nipote piemontese di quello che gli sparò i nonni e rubò l'argenteria, non avrà prezzo. Domenica sentiremo musica napoletana ad alto volume, uscire dalle finestre di Torino, vedremo parenti cogliere l'occasione di venire a fare una visita ai parenti ancora ostaggi e prigionieri di Exilles e Fenestrelle, perchè Domenica sarà importante esserci comunque a Torino. Mentre i piemontesi juventini saranno al riparo nel forte dello stadium, a cercare di frenare l'orda selvati puzzolente di sud, la città e le sue piazze si riempiranno di napuli che faranno sentire il loro grido di gioia, quando lo speaker juventino, sarà costretto, col groppo in gola ad annunciare: Insigne....Goal!!! https://www.juventusnews24.com/juve-napoli-settore-ospiti-apertura/