giovedì 19 aprile 2018

Di Maio ha ragione

Dal 1948 ad oggi, dalla Repubblica in poi, il nostro Paese ha avuto solo governi di destra, con alcuni limitazioni ai governi con il coinvolgimento del Partito Socialista di Craxi. La DC, che rappresentava il capitale, il clero, la confindustria, ha messo le cose inmdo tale che nessuno potesse uscirne senza passare per delinquente, fuori della logica "normale": la normalità. Per questo motivo, i "servi" di 100 anni di normalizzazione, i giornalisti, i media, oggi posson permettersi di tacciare Luigi Di Maio di permalosità, di culto della personalità, di rompicoglione. Chi, come me lo ha votato sa e spera solo in una cosa: che rimanga tale, che non ceda oltre quello che ha già dato modo di dimostrare per la definizione di Politico ( la capacità di trovare comunque una soluzione)Quelli che lo abbiamo votato, lo abbiamo fatto pensando che il M5S sia quel trattore che aspettiamo da tempo per arare nel profondo il territorio italiano e rinnovare il terreno coltivabile. nNon un centimetro di cedimento in più, luigi, non un minuto di indecisione. Chi ti sta tirando dalla giacca per farti sentire "normale" non sono i tuoi elettori, neppure quando si dicono tali e ti chiedono di non avere veti. Uno te lo imponiamo noi: Berlusconi fuori dai coglioni!!