lunedì 29 febbraio 2016

per l'8 marzo e per...sempre.

Mi assale un pensiero marzolino, suscitato da Quel Mazzolino di fiori Che ho postato in forte Anticipo quest'anno. Avevo capito non l'urgenza Che premeva, ma ora, a forza di guardarlo e rileggerlo, credo di Aver capito il Perche. Durante l'anno, nei dati Differenti, noi Festeggiamo la donna Venire Elemento Importanti e Vitale della Nostra Società, MA a mia memoria, non mi risulta Che in tutto Il Nostro Paese, esista Una sola piazza Dedicata alla Maternità ad esempio, ESISTE non  Una Sola Piazza delle Mamme, via delle Vittime dell ' "amore", Corso delle morti di parto (CHE PUR Danno la vita nel Compiere il loro "dovere" di donna e di madre) via delle Maestre d'asilo, oppure il Che Quella delle Oss. che assistono I Nostri Anziani e li accompagnano in Quel doloroso ultimo pezzo di vita da Abbandonati e reclusi.
Le strade e le piazze sono il Libro Aperto che leggiamo in Continuazione Ed Educa un popolo di dimenticare chi non data ha un Contributo alla vita del Paese, ma Come ê possibile Allora dimenticare che proprio per this Piazza della Mamma dovrebbe Essere Il Centro di oGNI Comune d'Italia? Vieni E possibile Avere i nomi di Tutta la toponomastica quasi Unicamente solista al maschile? Noi Facciamo monumenti ai militari, il Che uccidono in numero di gran, mettiamo su un museo al fascismo, dedichiamo Una via Ad ogni politico o avvocato, perfino Tra i poeti, Quante Saranno Le Vie annuncio intestato Ada Negri e Quante un Alda Merini? Percio Ecco la mia Proposta: per questo 8 marzo, il Che OGNI Comune d'Italia intesti Una via, piazza o corso alle Mamme e poi ci si concentra Sulla toponomastica del paese per rivedere ALCUNI nomi e sostituirli con dediche femminili!