venerdì 12 febbraio 2010

A San Paolo

Al mio paese
San Paolo

Quando io penso al paese
penso alla Torretta
alle passeggiate in piazza e dentro la villa
piena di ragazze, piena di rose,
alle case di San Marcuccio, penso ai tetti
alle strade di pietre a San Nicola strette strette.
Io penso al primo amore,
alla Torre di Venditti
al pozzo da basso, alla pezza della chiesa
all'abbeveratoio, alla trebbia sulla chiusa.
Penso al gelato di Lelio, a Buschitto
penso a Totò, alla cantina di Pizzichillo
penso al pane del forno di Michelinitto
all'odore del fumo dei torcinelli
penso che ho lasciato tre fratelli.
Penso ai gelsi al ponte di ferro
alle nespole nelle vigne, a Carusillo,
penso alle fave fresche, ai piselli,
penso che sta ancora nel dopo guerra.
Quando, ogni tanto penso al paese,
penso a Belmondino, a Terremoto,
penso a Miliuccio, a Cavallo sfortunato,
penso a Gigino e penso a Generoso
al carnevale di mastro Oreste, penso all'Editto.
Penso alle pecore sopra allo Stopparello,
ai bambini che mangiano le carrube,
ma la cosa che meno mi aspetto,
é che quando io lo penso, penso in dialetto.
Quando io penso al paese
io penso a voie mi gioco la testa che voi pensate a noi.
Io ho perso il paese ed il compagno di banco,
se io penso al paeselo penso e piango.

'O paes,
SanPavl

Quand ij pens o paes pens a Turrett,
a pass'get mezz a chiazz e dint a villa
chiena d vagliul, chiena d rose,
e ches d sammarcucc, ij pens e titt,
e stred d pret a Sannicola stritt stritt,
ij pens a prima zita, a Torr Vinnitt,
o puzz abbasc, a pezz'l a chies,
o bbuvratore, a trebbia sop a chius.
Pens o g'let d Lelio, a Buschitt,
pens a Totò, a cantina d Pizzichill,
pens o pèn du furn M'clnitt,
a ddor du fum di turcnell,
pens ca e lasset tre fratell.
Ij pens e cevz o pont d ferr,
e nespl 'nde vign, a Carusill,
pens e fev frisc, e pisill,
pens ca sta ancora 'ntu dopo guerr.
Quand ogni tant ij pens o paes
pens a Belmondin, a Tarramut,
pens a Miliuccio, a Cavall sfurtunet,
pens a Gigin e pens a Generos,
o carnuel d mast'Oreste, pens o Ditt.
Pens e pecur sopa o stupparell,
e vagliul ca c magnen i vainell,
ma a cosa ca meno m'aspett
jé ca quand ij u pens, pens in dialett.
Quand ij pens o paes ij pens a vuije
e m joch a cocc ca vuije penset a nuije.
ij e perz u paes e i cumpagn
s ij pens o paesu pens e chiagn.